Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto civile - -

╚ solo allo Stato che compete il risarcimento per il danno ambientale

╚ solo allo Stato che compete il risarcimento per il danno ambientale
Il diritto alla natura incontaminata è di rilevanza generale e i privati possono chiedere il risarcimento per la sua violazione solo qualora dimostrino di aver sofferto in proprio un danno diretto.
Il caso passato al vaglio della Corte di Cassazione riguardava un uomo accusato di aver depositato un’ingente quantità di rifiuti su un terreno di sua proprietà, realizzando, di fatto, una discarica a cielo aperto, senza la necessaria autorizzazione.
I cittadini che abitavano nei pressi del terreno avevano chiesto il risarcimento per i danni derivanti dal peggioramento del paesaggio, dalla percezione di odori sgradevoli derivanti dal fondo e dalla sparizione di particolari specie di uccelli che erano invece presenti nella zona precedentemente. Nonostante i reati fossero ormai prescritti, l’uomo veniva condannato a risarcire il danno.
Il caso giungeva fino in Cassazione, la quale si è pronunciata con la sentenza n. 1997/2020.
La Suprema Corte ha cassato la sentenza di appello che, sostenendo che fosse stato violato il diritto dei privati “al godimento di una natura libera e incontaminata oltre che alla visuale del paesaggio violato”, aveva riconosciuto il risarcimento dei danni nei loro confronti.
Nel fare ciò, i giudici di legittimità hanno rilevato che il diritto alla natura incontaminata è di rilevanza generale e, di conseguenza, il titolare del diritto al risarcimento derivante da danno ambientale è soltanto lo Stato (nella specie, il Ministero dell’Ambiente).
L’ambiente, spiega la Corte, va inteso come valore collettivo e quindi pubblico, andando a superare la logica che sta alla base della responsabilità civile, e cioè che il risarcimento abbia una funzione compensativa. In questo caso, l’obbligo di risarcire il danno allo Stato sorge sulla base di una responsabilità avente natura extracontrattuale, derivante dalla violazione di una norma di legge.
I risvolti pubblici e quelli privati derivanti da danno ambientale devono essere tenuti distinti, per evitare una duplicazione delle conseguenze dell’illecito. In ogni caso, però, il danno ambientale di natura pubblica non impedisce la richiesta di risarcimento da parte di privati, associazioni di cittadini, Regioni o Comuni, se questi provano di aver sofferto in proprio un danno - patrimoniale o anche non patrimoniale - quale conseguenza diretta del fatto illecito.
Questi ulteriori danni dovranno essere poi riconosciuti sulla base delle regole della responsabilità civile di cui agli articoli 2043 e 2059 c.c.

Nel cassare la precedente sentenza di merito, tuttavia, la Cassazione ha rilevato che il risarcimento dei danni era stato riconosciuto ai privati senza che fosse stato doverosamente provato il nesso eziologico tra i comportamenti del proprietario del fondo e le conseguenze dannose lamentate dai vicini.
Perciò, sarà ora compito del giudice del rinvio verificare specificamente i danni subiti direttamente dai singoli cittadini nella loro sfera privata ed il nesso causale della condotta con tali danni.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.


Notizie Correlate